Vacanze in barca attrezzature, abbigliamento ed oggettistica consigliata per viverla al meglio-

Vacanze in barca: attrezzature, abbigliamento ed oggettistica consigliata per viverla al meglio

La vacanza in barca è un ottimo modo per vivere l’estate all’insegna della spensieratezza e della libertà organizzativa, soprattutto in quest’estate 2020. Non dimentichiamo che viaggiando in barca si può tranquillamente mantenere il distanziamento sociale ed esplorare le spiagge ed i tratti di costa più tranquilli e meno toccati dal turismo di massa, comunque fortemente contenuto in questa stagione dalla diffusione del Covid-19.

Chi si organizza per realizzare una vacanza in barca, sa che ci sono tutta una serie di equipaggiamenti che non devono mai mancare, dall’abbigliamento, fino alle piccole attrezzature portatili, passando per quelle più professionali. Ma per chi è alle prime esperienze vogliamo comunque dare alcune indicazioni per poter vivere un’esperienza sicuramente all’insegna dell’avventura (andare in barca è un modo perfetto per esplorare e scoprire nuovi posti, senza dover necessariamente puntare sulle località più affollate e “canoniche”), ma anche della comodità.


Vacanza in barca: i consigli per la valigia

Il primo consiglio che diamo riguarda i trolley: soprattutto se siete alle prime esperienze con una vacanza in barca, evitateli! Si tratta di un tipo di bagaglio scomodo, che non si sposa bene con gli spazi ristretti che si hanno all’interno di una barca; il contro-consiglio, in questo caso, è quello di puntare su delle sacche morbide (in commercio se ne trovano di tutti i tipi e dimensioni), che possono essere facilmente sistemate risparmiando spazio. In alternativa a queste vanno ovviamente benissimo anche le classiche sacche da palestra, che sono comunque facilmente ripiegabili da vuote.

Per dormire in barca, se avete già dei letti in dotazione, sarà sufficiente portarvi delle lenzuola di ricambio, in alternativa il consiglio è quello di puntare su dei pratici sacchi a pelo, facilmente sistemabili una volta richiusi correttamente.

Per quanto riguarda l’abbigliamento, si deve puntare forte sugli indumenti da mare. Portate un buon numero di costumi di ricambio, per quanto riguarda gli abiti da giorno e da sera, molto dipende da quanti giorni durerà la vostra vacanza. Indicativamente, per una settimana di viaggio possono bastare 3-4 ricambi per il giorno e altrettanti per la sera (e per le uscite serali potete tenervi da parte anche degli abiti un po’ più eleganti, in vista di una cena in qualche località marittima caratteristica). In ogni caso, puntate forte sulla comodità!

Gli abiti pesanti, soprattutto se il viaggio lo realizziamo in questo periodo estivo, non sono assolutamente necessari, ma consigliamo sempre di portare con voi una giacca impermeabile per situazioni climatiche che cambiano improvvisamente o anche per le ore più fresche della notte e del mattino, quando l’escursione termica si fa sentire maggiormente. Per chi puntasse su abbigliamenti ancora più tecnici, si può portare con sé una cerata, ossia un impermeabile ottimo per le giornate in barca, perché ripara dalla pioggia e contemporaneamente dagli schizzi del mare, durante le traversate più agitate.

Anche se non siete amanti dei cappelli, il consiglio è quello di portarvene dietro almeno un paio, possibilmente con bordi larghi, utili per riparare non solo la testa, ma anche spalle e collo.

Per quanto riguarda le scarpe, conviene sicuramente puntare su modelli comodi, con suole chiare in gomma (per non lasciare sporco sulla barca) e che possibilmente abbiano una buona tenuta, in modo da non farvi scivolare quando siete dentro l’imbarcazione. Anche delle scarpette da scoglio sono consigliatissime, soprattutto per le esplorazioni nelle calette, ma anche per farvi una doccia in sicurezza. Le infradito vanno sicuramente bene per le ore passate sulla spiaggia, eventuali scarpe da trekking sono consigliate solo se avete in programma delle escursioni su terreni un po’ più complessi. In ogni caso prestate attenzione a non rigare e sciupare il pavimento della vostra imbarcazione, e soprattutto a non scivolare e farvi male!

Per le escursioni, inoltre, non dimenticate mai maschera e boccaglio!

Un piccolo kit di pronto soccorso, che dovrebbe comunque essere sempre da portarsi all’interno di un’imbarcazione, non deve mai essere sottovalutato. Controllate di avere l’occorrente sempre con voi e che non ci siano medicinali scaduti!

A completamento di una valigia non possono mancare ovviamente shampoo e creme solari, ma possibilmente (soprattutto per gli shampoo ed i saponi) puntate su prodotti ecologici che non lascino tracce nel mare.


Vacanze in barca: gli attrezzi per i piccoli interventi di manutenzione

Quando si viaggia in barca può capitare di avere problematiche di vario tipo, e una pratica dotazione di attrezzi per semplici interventi di manutenzione, dovrebbe essere sempre preparata e portata a bordo.

Tra gli attrezzi consigliati, sicuramente è utile portare un set di cacciaviti, possibilmente di dimensioni diverse per quanto riguarda la testa (se possibile portateli sia a taglio che a stella, possono sempre far comodo).

Sicuramente utili da portare sono le pinze, dai modelli più classici fino alle pinze a scatto, che permettono di tenere libere le mani e tenere contemporaneamente fermo un materiale; utili anche le pinze a becchi con angolazione variabile, ottime soprattutto quando si tratta di intervenire sulle tubazioni della barca.

Non dimenticate ovviamente almeno un martello da portare con voi, può sempre servire per qualunque tipo di lavoretto.

Utili sono anche i set di chiavi a brugola, di dimensioni variabili.

Forbici da elettricista e filo possono sempre servire per effettuare una riparazione in un contatto mancante, non dimenticatele mai!

Da portare nel vostro personale cassetto, anche un paio di chiavi inglesi, utili per poter avvitare e svitare i dadi, e anche un calibro, utilissimo perché vi consente di effettuare una misurazione di ogni tipo (in alternativa anche un classico metro).


Accessori nautici professionali per imbarcazioni: alcuni modelli consigliati

Gli accessori per la nautica (soprattutto se di ottima fattura) sono di fondamentale importanza quando si effettua un viaggio in barca. Il miglioramento qualitativo dell’esperienza è indubbio, e se non sono già presenti in dotazione, è opportuno acquistarli presso ditte specializzate. In questi casi non consigliamo mai di puntare sul risparmio, dato che si tratta di attrezzatura che deve durare per parecchio tempo e fare bene il suo compito; in questo caso conviene rivolgersi a chi, per la loro realizzazione, punta su accessori realizzati artigianalmente e con materiali certificati.

Ecco intanto alcuni accessori che potrebbero sicuramente far comodo durante la vostra esperienza in barca.

Sicuramente utile è il tendalino, una pratica copertura per barche, ma anche per gommoni, che consente di realizzare uno schermo protettivo contro i raggi del sole (ma anche dalla pioggia) durante le ore di traversata.

Oltre a rappresentare un accessorio utile per evitare i colpi di sole e non soffrire troppo il caldo, un buon tendalino rappresenta anche un elemento estetico che fa acquisire eleganza all’imbarcazione. Per la realizzazione di un buon tendalino, importante è la scelta del telaio che sorregge l’intera struttura e il tipo di tessuto di copertura (un esempio semplice di quanto la qualità sia importante, in questi casi).

Una scaletta di risalita con plancetta di poppa è un modo molto utile per poter fare un bagno dove si vuole e risalire e scendere dalla barca in tutta sicurezza. L’uso delle corde è quanto mai scomodo e si rischia anche di farsi male durante le operazioni di risalita a bordo; molto meglio una plancetta con scaletta incorporata (consigliate sono le plancette con tubolari in acciaio inox e dogate di legno marino, soluzioni davvero ottime e che consentono di avere un buon grip antiscivolo). Anche in questo caso, meglio puntare su modelli artigianali di plancette con scaletta incorporata, maggiore spesa ma durata garantita!

Tra le attrezzature che dovreste sempre avere con voi, non dovrebbe mancare il cosiddetto banzigo. Si tratta di un imbragatura munita di seggiolino, che consente di issarsi sull’albero maestro per effettuare piccole riparazioni (come ad esempio un antenna malfunzionante della vostra radio vhf). Il banzigo si accompagna sempre ad un set di funi, una per la fase di sollevamento, l’altra come fune di sicurezza.

La passerella nautica aiuta molto nelle operazioni di salita a bordo e discesa sulla terra ferma, in particolar modo consente il transito non solo delle persone, ma anche dei bagagli e delle attrezzature che ci portiamo dietro. Ovviamente la dimensione ed il materiale con la quale viene realizzata la passerella, tende a variare; se la trovate in commercio già adatta per le vostre esigenze è ottimo, ma in caso contrario vi consigliamo di puntare anche qui su modelli personalizzati, che consentono di scegliere la lunghezza, lo spessore ed il materiale (ottime quelle con acciaio inox, o con corpo in legno marino).

Il mezzo marinaio, infine, ve lo consigliamo perché apparentemente sembra una semplice asta di legno munita di uncino, ma il suo scopo è molto importante, perché consente di recuperare le cime di ormeggio, oltre che aiutare le operazioni di allontanamento ed avvicinamento dai punti di approdo, cosa che diversamente potrebbe risultare più difficile.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna su