quali scarpe da running comprare

Quale scarpa da running comprare? Le migliori scarpe da corsa

Carissimi sportivi – viaggiatori,

quest’oggi ci occupiamo di una categoria particolare di viaggiatori, ovvero i maratoneti.

Si tratta della categoria speciale di viaggiatori che io maggiormente invidio, perché come prima cosa amo correre (ma non ho la forza né le capacità di fare una maratona) e come seconda cosa, non esiste esperienza migliore che ammirare una nuova città o località mentre si partecipa ad una maratona.

Nonostante io non sia un professionista, conosco gioie e dolori della corsa e ne sono un suo grande estimatore. Posso anche affermare negli ultimi anni di aver consumato qualche paio di scarpe da running correndo nella mia città.

Ho anche alcuni amici che come me praticano la corsa, anche a livelli agonistici molto più alti dei miei.

Dalla mia personale esperienza, ma anche dalle discussioni con i conoscenti che amano correre, nasce l’idea di questa guida, che mira a raggruppare in un unico luogo, tutti i modelli di scarpe da running migliori esistenti attualmente in commercio.

Partirei subito con l’analisi dei migliori modelli, per poi proporvi una guida all’acquisto che miri a chiarire il maggior numero di dubbi possibili che possiate avere a riguardo di questa particolare categoria di scarpe.


Le scarpe da running più vendute su Amazon


Prima di approfondire nel dettaglio la conoscenza dei modelli di scarpe da running che intendo proporvi, come sempre ritengo utile andare alla scoperta dei 3 modelli di scarpe più vendute su Amazon.

L’obiettivo è solo quello di farci un’idea di quali siano in questo momento i modelli più apprezzati dai consumatori italiani.


Le migliori scarpe da running: recensione dei 7 modelli migliori


Cerchiamo ora di capire quali siano le migliori scarpe da running disponibili in commercio e quali siano i modelli più apprezzati dai maratoneti italiani e da tutti gli amanti della corsa.

Ho scelto per voi i 7 modelli migliori acquistabili sullo store di Amazon.


#1 Scarpe da running Brooks Ghost 11


scarpe running

Le Brooks Ghost 11 sono probabilmente le scarpe da running preferite dalla maggior parte dei corridori professionisti.

Bisogna subito ammettere che la casa ha prodotto anche un modello successivo (le Brooks Ghost 12), ma ho letto tante opinioni contrastanti su questo modello di scarpe, dunque preferisco proporvi il modello precedente che invece ha conquistato il cuore di numerosi corridori.

Si tratta di un modello di scarpa con un’ammortizzazione ottimale che sfrutta la tecnologia BioMoGo DNA e DNA Loft, capace di donare alla corsa fluidità unica.

Sorprende la leggerezza di questo modello, in grado di attenuare ogni colpo grazie al suo sistema di ammortizzazione e al crash pad integrato che consentono perfette trazioni tallone-punta.

La scarpa è in grado di avvolgere il piede alla perfezione in maniera molto discreta, al punto che vi sentirete così liberi durante la corsa, da sentirvi quasi a piedi nudi.

Provare per credere!


#2 Scarpa da running Mizuno Wave Rider 23


scarpe running

Un’altra scarpa che ha molto successo nel mondo del running, è senza dubbio la Mizuno Wave Rider 23.

La scarpa è stata ideata per la corsa a bassi livelli di temperatura, ma alti livelli di performance durante la corsa, si presta infatti alla perfezione per coloro che amano correre a lungo o molto spesso.

La Wave Rider 23 è dotata di un’intersuola molto tecnologica che sfrutta le tecnologie U4ic e U4icX per donare alla scarpa una reattività senza paragoni e garantire corse di livello (semi-) professionale.

La scarpa presenta inoltre una perfetta ammortizzazione, in grado di donare alla calzata un comfort ultra, avvolgendo il piede alla perfezione durante la corsa.

La tomaia in mesh garantisce invece una perfetta traspirazione della scarpa e la fuoriuscita dell’umidità dall’interno.

La scarpa sorprende per la sua leggerezza di soli 240 grammi.

Sicuramente il modello prodotto da Mizuno è uno dei più interessanti disponibili sul mercato, che colpisce per il confort durante la corsa e per la qualità dei materiali usati per la sua realizzazione.


#3 Scarpe running Asics gel Nimbus 22


scarpe running

Le scarpe da running Asics Gel Nimbus 22 sono un altro prodotto da prendere seriamente in considerazione per via delle performance che queste scarpe sono in grado di offrire a corridori professionisti e non.

La scarpa è in grado di donare alla corsa una falcata morbida e reattiva, con un’ammortizzazione a dir poco perfetta, grazie all’innovativa tecnologia GEL più soffice sul tallone, in modo da attutire gli urti in modo ottimale.

La tecnologia GEL brevettata da Asics permette di ridurre drasticamente il carico sui piedi nella parte dell’avampiede, mentre l’ausilio della tecnologia FLYTEFOAM nell’intersuola permette un’andatura sicura e affidabile.

Completa poi il profilo di questa scarpa l’innovativa tecnologia TRUSSTIC, una parte realizzata in termoplastica che dona alla scarpa il massimo della stabilità, alleggerendo il peso totale della scarpa e garantendo una durata media di vita molto lunga.

La tomaia è invece realizzara in leggera rete rinforzata, che permette una traspirabilità ottimale del sudore verso l’esterno, mantenendo quindi il piede il più asciutto possibile.

La Gel Nimbus è una scarpa ideata per coloro che amano percorrere lunghe distanze o sono soliti correre spesso durante la settimana.

Non importa se sei un professionista esperto o un principiante, la scarpa da corsa ad alte prestazioni GEL-NIMBUS™ 22 è progettata per garantire un’ammortizzazione morbida e una falcata più reattiva.

Se ciò che cerchi sono prestazioni di livello e la scomparsa dei fastidiosi dolori successivi alla corsa, Asics Gel Nimbus è la scelta perfetta.


#4 Scarpe running New Balance Fresh Foam 1080 v9


scarpe running

Le scarpe da running New Balance Fresh Foam 1080 v9 sono una delle scarpe più interessanti presenti sul mercato, soprattutto per l’evoluzione molto positiva che ha avuto la tecnologia fresh foam negli ultimi tempi.

Il modello presenta una innovativa tecnologia D2D che dona maggiore ammortizzazione alla scarpa, nonché uno splendido comfort all’interno della scarpa che la rende molto gradevole al piede.

Questo modello è stato notevolmente rinnovato rispetto alla versione precedente della scarpa, anche dal punto di vista estetico. La scarpa appare oggi molto aggressiva, nonché moderna e dal design contemporaneo.

La tomaia è realizzata in tessuto di qualità molto leggero che garantisce un’ottima traspirabilità, favorendo la fuoriuscita verso l’esterno dell’umidità che si deposita all’interno della scarpa.

La scarpa presenta una buona leggerezza con i suoi 297 grammi nel modello da uomo e 255 grammi nel modello da donna.

Si tratta dunque di un modello alternativo, che si trova a competere in un mercato abbastanza duro, con numerosi rivali, ma che ad ogni modo ha trovato il suo spazio sul mercato, essendo apprezzata da numerosi corridori in Italia e nel mondo.


#5 Scarpe running Brooks Glycerin 17


scarpe running

Veniamo ora ad un secondo modello di scarpe Brooks, che alcuni preferiscono al modello che vi ho presentato in precedenza.

Il modello Glycerin è effettivamente un modello molto performante con un’ammortizzazione ottimale che sfrutta la tecnologia DNA LOFT per donare al piede la sensazione di un’incredibile morbidezza e comfort.

La presenza di un calzino interno elasticizzato agevola i movimenti del piede, che rimane avvolto completamente dalla scarpa in qualsiasi momento.

La tomaia in rete traspirante insieme alla tecnologia a stampa 3D creano una calzata perfetta.

Massima anche in questo caso è l’ammortizzazione delle scarpa che dona al piede una sensazione di comfort assoluto in combinazione con la soletta interna Ortholite.

Le transizioni tacco-punta sono notevolmente agevolate dalla zona di transizione DNA Loft, rendendo la corsa sempre più agevola e riducendo la sensazione di peso della scarpa.


#6 Scarpe da running Nike Air Pegasus 36


scarpe running

Diamo adesso un’occhiata ad un altro modello classico di scarpe da running.

Le Nike Air Zoom Pegasus 36 sono uno dei modelli più amati dai runners, splendide in questa versione con numerosi inserti traforati e l’engineered mesh nella tomaia, che rende il modello traspirante ad altissimi livelli.

La loro linguetta sottile e la conformazione della scarpa sul tallone assicurano il minimo ingombro, aumentando la sensazione di comfort, mentre i cavi Flywire esposti sono perfetti per le andature a massime velocità.

Il modello è realizzato in schiuma Cushlon ST che dona alla scarpa un’ammortizzazione sempre all’altezza di ogni ostacolo che ci si prospetta contro surante la corso.

Il sottopiede è molto elastico e si conforma alla perfezione al piede che indossa la scarpa, offrendo un ottimo supporto al piede.

Da segnalare anche il peso ridotto del modello che con i suoi 271 grammi (nella misura 44 da uomo) la rende una delle più leggere sul mercato.


#7 Scarpe running Adidas Ultraboost 19


scarpe running

L’ultimo modello di scarpe da running che vogliamo proporvi sono le Adidas Ultraboost 19, anche queste scelte da numerosi runners.

La loro principale caratteristica è senza dubbio la comodità della calzata, nonché il ritorno di energia che la scarpa è in grado di donare al piede che le indossa.

La tomaia è realizzata in tessuto knit sprovvisto di cuciture, che offre il massimo dell’elasticità e del supporto al piede durante la corsa.

La calzata è molto avvolgente e si adatta al piede alla perfezione, annullando qualsiasi punto di pressione.

La tomaia Adidas Primeknit offre una calzata tecnica che dona al piede la massima libertà di movimento.

La tecnologia Boost delle scarpe dona un’ottima ammortizzazione e crea un ritorno di energia massimo, in grado di alleggerire la fatica alla quale il piede è sottoposto.

Nell’intersuola è invece presente un’altra tecnologia di Adidas, la Torsion Spring che agevola il piede nella fase di spinta e appoggio.

Il peso della scarpa è di 310 grammi nel numero 42 2/3.


Guida all’acquisto delle scarpe da running


Cerchiamo adesso di approfondire tutto ciò che ha a che fare con le scarpe da running. Proviamo a rispondere a tutte le domande più comuni relative alle scarpe e a chiarire quali siano le caratteristiche più importanti che una scarpa da corsa debba avere.

Nel farlo tenteremo di dare una visione globale del mondo che gira attorno alle scarpe da running e a farvi capire perché le scarpe sopra menzionate siano le uniche ad avere trovato un posto nella nostra personale classifica.


Tipologie di scarpe da running


Come prima cosa occorre chiarire qualche dettaglio tecnico relativo alle scarpe da running, poiché questo tipo di prodotto viene classificato all’interno di una particolare scala di valori, in base alle caratteristiche tecniche che la scarpa possiede.

E’ a mio avviso dunque molto utile per capire quali siano i maggiori dettagli tecnici che le scarpe possiedono, analizzare detta classificazione.

a. Scarpe running A1 o superleggere

All’interno di questa catergoria rientrano tutte le scarpe da running che hanno un peso molto ridotto, nello specifico sotto i 250 grammi.

Si tratta di scarpe predilette dai corridori professionisti, che tuttavia hanno un’ammortizzazione relativamente scarsa, ma che grazie alla loro leggerezza riescono a rendere la corsa molto reattiva.

Le scarpe di questa categoria non si adattano ad ogni modo a chiunque. Chi pesa sopra i 70 kg o tutti coloro con problemi di postura dovrebbero scegliere un modello diverso.

b. Scarpe running A2 o intermedie

Le scarpe che rientrano in questa categoria hanno un peso maggiore in confronto alle precedenti e possono raggiungere i 300 grammi.

A differenza delle precedenti hanno anch un’ammortizzazione e un supporto al piede più accentuato.

Si tratta di scarpe adatte a coloro che durante la corsa necessitano di un ausilio ai piedi importante, ma rimangono sconsigliate per principianti e per coloro che hanno un peso importante.

Parliamo sempre di calzature tecniche pensate per un pubblico professionista.

c. Scarpe running A3 o neutre

Le scarpe running A3 sono scarpe con un’ottima ammortizzazione, si adattano dunque molto bene per tutti i corridori principianti che non hanno ancora sviluppato un’adeguata muscolatura del piede.

Sono scarpe più pesanti delle precedenti, che possono superare i 300 grammi. Sono perfette per i neofiti, ma non adatte ai professionisti che corrono per scopi agonistici.

d. Scarpe running A4 o stabili

Le scarpe running A4 sono invece quelle consigliate per chi pesa sopra gli 80 kg. Il peso della scarpa è simile a quello delle A3, ma l’ammortizzazione è in questo caso molto sviluppata e sono anche dotate di supporti che evitano l’eccessivo carico della parte interna del piedi (o iperpronazione).

e. Scarpe A5 o trail running

Sono le scarpe ideali per il trail running, ovvero la corsa non su asfalto ma in montagna o su terreni sterrati.

Le scarpe hanno un peso simile alle A3 o A4, ma sono molto stabili e robuste, in modo da proteggere al meglio il piede durante la corsa in condizioni difficili.

f. Scarpe running A6 o jogging

Sono scarpe molto standard, senza troppi pregi né difetti. Sono comunque sconsigliate per coloro che fanno del running una scelta di vita, poiché non offrono particolari garanzie di performance.

g. Scarpe running A7 o chiodate

Sono le scarpe indicate per l’atletica leggera e per le gare. Hanno un peso molto ridotto al di sotto dei 200 grammi e hanno dei tacchetti nella suola per garantire un ottimo grip.


Come scegliere le scarpe da running?


La scelta della giusta scarpa da running non è proprio una cosa semplicissima e spesso è proprio l’esperienza che fa la differenza.

Dopo qualche acquisto sbagliato infatti si comprendono meglio le proprie necessità e si riesce a correggere un pochetto il tiro.

E’ vero che esitono modelli di scarpe (come quelle proposte in questa guida) che ben si adattano alla maggior parte dei runners, ma in questo settore ne ho senitite di tutti i colori, come il caso di un runner che dopo l’acquisto di un paio di Salomon, non era molto soddisfatto della scelta, ma dopo aver eliminato la soletta interna della scarpa, non avrebbe voluto più tornare indietro.

Il consiglio rimane quello di affidarsi ai grandi marchi, poiché in questo caso il rischio di errore si riduce notevolmente.

Scegliere una scarpa di una marca sconosciuta o un modello che nessuno conosce, può essere una scelta deleteria in termini di qualità della corsa o anche di dolori post-allenamento da evitare.


Quali sono le scarpe da running più ammortizzate?


L’ammortizzazione della scarpa da running è sicuramente un fattore importante nella scelta della scarpa perfetta, ma ci sono alcune cose da tenere in considerazione, prima fra tutte il fatto che un’ammortizzazione molto pronunciata è necessaria solo per gli atleti alle prime armi.

Quando si inizia a correre infatti la muscolatura della caviglia non è molto sviluppata e l’ammortizzazione aiuta a supplire a questa mancanza.

Una forte ammortizzazione riduce dunque la fatica della caviglia, ma come controparte appesantisce il lavoro del ginocchio e delle gambe, che devono faticare un poco di più.

Se la tua necessità è quella di avere una scarpa molto ammortizzata, il mio consiglio è quello di scegliere un modello a scelta tra le Adidas Ultraboost e le Brooks Glycerin, che a mio avviso in questo settore riescono ad offrire le maggiori prestazioni.


Quando occorre cambiare le scarpe da running?


Capire quando è necessario cambiare le scarpe da running non è poi una cosa così complicata.

Le scarpe presentano presto segni di usura visibili, ma se anche non fosse, solitamente è la sensazione al piede a dare conferma che le scarpe hanno terminato la loro storia.

In linea molto generale possiamo affermare che un paio di scarpe non dovrebbero ai superare i 1000 km.

Come faccio a sapere se li ho già superati?

Puoi memorizzare quanti km fai e calcolare quanto tempo le tue scarpe possano ancora andare avanti o magari scaricare una bella App come Runtastic che ti permette di registrare le scarpe e contare i km percorsi in maniera automatica.

Se sei agli inizi della corsa, 1000 km possono sembrarti tanti, ma in realtà non lo sono.

Anche se corri soli 20 km alla settimana, significa infatti che le tue scarpe avranno una vita di circa 6 mesi o poco più.


Come lavare le scarpe da running?


Il lavaggio delle scarpe da running è sicuramente un fattore molto importante per mantenere le scarpe in buone condizioni.

La prima cosa da fare è sicuramente, in caso di sporco profondo, strofinare e spazzolare le scarpe per eliminare la maggior parte delle impurità esterne alla scarpa.

Certo questa soluzione non ci aiuta ad eliminare dalla scarpa cattivi odori o impurità legate al sudore. In questo caso è necessario procedere ad un lavaggio.

Vi invito a leggere con attenzione le indicazioni del produttore relative al lavaggio del prodotto, ma nella maggior parte dei casi il lavaggio in lavatrice non è consigliato.

Ciò che in questi casi è ideale è un bel lavaggio a mano, che pur essendo più faticoso, rimane il più indicato. Col lavaggio in lavatrice infatti rimane un rischio di scollature della scarpe o la formazione di imperfezioni che potrebbero pregiudicarne le proprietà.

Se proprio volete lavare in lavatrice le scarpe, vi consiglio di scegliere un lavaggio a basse temperature o addirittura a freddo, magari escludendo la centrifuga, in modo da evitare danni al prodotto.


Principali caratteristiche delle scarpe da running da tenere in considerazione per l’acquisto


Per finire la nostra guida, vi invito a leggere l’elenco delle principali caratteristiche da valutare nella scelta di un paio di scarpe da running.

Ammortizzazione

Come abbiamo avuto già modo di sottolineare, l’ammortizzazione indica la capacità della scarpa di aiutare il lavoro della caviglia durante la corsa.

Un minimo di ammortizzazione a mio avviso è sempre necessaria, ma più si è giovani in questo sport e maggiore è l’ammortizzazione necessaria nella pratica.

Dunque sia che siate principianti o veterani della corsa, il mio consiglio è sempre quello di scegliere scarpe con un livello di ammortizzazione medio, medio-basso.

Supporto al piede

Altro fattore importante nella scelta di un nuovo paio di scarpe da running è l’intensità di supporto al piede che la scarpa è in grado di offrire.

Parlando in maniera generale, il supporto al piede è sempre necessario, ma esistono scarpe che avvolgono il piede con decisione maggiore rispetto ad altre.

Un adeguato supporto è necessario per ottenere la giusta stabilità e sicurezza durante la corsa. Se acquistate online, date sempre un’occhiata alle recensioni di chi ha già acquistato il prodotto, per essere sicuri della scelta.

Traspirabilità

Mai sottovalutare la traspirazione, per me uno degli elementi più importanti che una scarpa da running sia chiamata a svolgere.

Con traspirazione si intende la capacità della scarpa di respirare ed espellere l’umidità dall’interno all’esterno.

Si tratta di un fattore importante per mantenere il piede asciutto anche durante la corsa, ma svolge una funzione importante anche dal punto di vista igienica.

Peso

Il peso è un ultimo fattore da tenere sempre in considerazione e se acquistate in un negozio, non abbiate paura di chiederlo ad un commesso.

Una scarpa leggera permette ai piedi di essere liberi e meno affaticati. Se stiamo intorno ad un peso di 250 grammi o magari meno, vi accorgerete subito della sensazione di libertà ai piedi che si è in grado di provare.

Fate molta attenzione perché spesso, minore è il peso e maggiore è il prezzo della scarpa, ma l’invito è di non ignorare mai questo fattore.

Correre con una scarpa da 400 grammi al piede non è il massimo del piacere, credetemi.


Quanto costa una scarpa da running?


Il prezzo di una scarpa da running è forse il fattore più doloroso che ci troviamo ad affrontare.

Le scarpe di qualità infatti non costano poco, ma dalla scarpa dipende la salute del nostro fisico e della nostra corsa, dunque è un fattore sul quale non risparmierei in maniera eccessiva.

Parliamo di cifre per avere un quadro più autentico della situazione.

Direi che una scarpa di buona qualità dovrà avere un prezzo compreso all’interno della fascia di 80€ – 120€.

Spendere meno si può in caso di promozioni e sconti, ma vi invito a scartare a priori scarpe che costino intorno ai 60€, perché sono quelle con minor garanzia di qualità.

Una scarpa appena uscita dalla produzione con ottime caratteristiche tecniche può anche superare la soglia di 150€.


Potrebbe anche interessarti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna su