la barca a vela

La barca a vela: dall’antico Egitto ad oggi

L’utilizzo della barca a vela

Come interviene il mercato

L’uso delle barche a vela può essere fatto risalire all’antico Egitto, quando gli egiziani aggiunsero le vele alle loro barche a canne per navigare a monte contro la corrente del fiume Nilo. 

Successivamente, le barche a vela sono state utilizzate per sviluppare rotte commerciali internazionali, sebbene questa pratica sia stata sostituita da metodi di energia meno dipendenti dal vento.

Ovviamente dalle origini ad oggi, le barche a vela sono usate quasi esclusivamente per motivi di piacere, quindi sganciate dallo svolgimento di attività produttive. Ne sono degli esempi evidenti le passeggiate a barca a vela come motivo di svago.

Il mercato si è adattato a queste continue richieste – si pensi al noleggio di una barca a vela per fare delle gite in coppia per una fuga romantica oppure giri di gruppo per godersi il bello della stagione estiva – proponendo diverse opzioni, dalle più lussuose ed esclusive sino ad arrivare a formule “low cost” proprio per soddisfare ogni esigenza.


L’uso agonistico della barca a vela

La barca a vela come hobby

Le regate in barca a vela sono un passatempo serale nei fine settimana per molte persone in tutto il mondo, su una varietà di barche. 

Ci sono anche squadre di regate di barche a vela professionali che prendono parte a regate che variano di lunghezza, dalle corse diurne “intorno alle boe”, a squadre a mano singola e con equipaggio che corrono per il mondo, a volte senza fermarsi.
La crociera in barche a vela è anche goduta in molti modi diversi, su una varietà di barche a vela e tipi di acqua (laghi, fiumi, canali, acque costiere e oceani), per diversi periodi di tempo. Mentre la maggior parte dei velisti si accontenta della vela o della crociera verso una destinazione per il fine settimana, altri acquistano una barca a vela per realizzare quel sogno di una vita di navigare per quasi “sfiorare” il tramonto.


Quanto costa avere una barca a vela?

Capire quanto si è disposti a spendere

Il pensiero di acquistare una barca a vela è eccitante, ma può anche essere un po’ scoraggiante se non se non si è mai posseduta una barca a vela in quanto ci sono alcune cose da considerare prima di immergersi nell’acquisto di barca a vela, in primis l’aspetto economico.

Al pari di quanto si acquista un’automobile, il costo di una barca a vela va oltre il prezzo di acquisto, quindi occorre tenere d’occhio le spese successive all’atto di compravendita. Le spese da considerare includono, a titolo esemplificativo ma non esaustivo, premi assicurativi, tasse di ormeggio / attracco, istruzione, manutenzione annuale regolare, aggiornamenti e riparazioni ad hoc.
Se lo scopo dell’acquisto è quello di correre con la propria barca a vela, gli organizzatori di eventi insistono anche sull’assicurazione di responsabilità civile verso terzi, quindi una spesa ulteriore al premio assicurativo. 

Se la barca a vela è troppo grande per vivere su un rimorchio, occorrerà munirsi di uno scivolo del porto turistico o di un ormeggio, che in alcune aree può essere molto costoso.
Superato il discorso economico correlato alla manutenzione della barca a vela, segue un’ulteriore spesa; se non si conosce la barca a vela, sono obbligatori per il neofita tutti i corsi di formazione per imparare a maneggiare la barca e come usare l’equipaggiamento di sicurezza nonchè i sistemi di comunicazione, tutti aspetti che devono essere presi in considerazione nel preventivo. 

Ma non solo, ogni anno la barca a vela va completamente ispezionata e pertanto ogni usura dovrebbe essere riparata. Se c’è un motore ad esempio, questo dev’essere sottoposto a manutenzione periodica.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna su