cosa vedere a firenze in due giorni

Cosa vedere a Firenze in due giorni? 7 posti per il tuo itinerario a piedi

Visitare Firenze è sempre una grande idea. La città è sicuramente uno dei gioielli più belli presenti sullo stivale. Culla del Rinascimento e luogo di passaggio per artisti e letterati, Firenze è da sempre una meta ambita per tutti coloro che si interessano di arte, ma anche per coloro che vogliono semplicemente gustare l’ottima cucina toscana.

Certo è che se avete soli due giorni a disposizione da trascorrere in città, le cose si complicano, perché dovrete scegliere cosa preferire vedere della città, non essendo possibile visitare ogni attrazione, vista la grande offerta che la città mette a disposizione dei visitatori.

In questa guida cercheremo di semplificarvi le cose, offrendovi un‘ampia panoramica delle principali attrazioni che Firenze riesce a offrire, di modo che anche voi riusciate a scegliere con esattezza cosa visitare a Firenze in due giorni.

La guida non sarà certo esaustiva, ma si ripropone di farvi comprendere quali attrazioni vanno sicuramente prese in considerazione durante la vostra permanenza in città.

Starà poi a voi decidere quale di queste visitare, in base alle vostre personali preferenze.

Cosa vedere a Firenze in due giorni?

Abbiamo selezionato 7 attrazioni imperdibili, alle quali non potrete rinunciare. Daremo poi dopo qualche consiglio su dove dormire e su come arrivare in città.

Se il tuo interesse durante la tua visita a Firenze sono però solo i musei, potrebbe essere di tuo interesse la nostra guida sui migliori musei da visitare a Firenze, che ti consiglio di consultare.


Firenze in due giorni: cosa vedere?

Che sia la prima o la terza volta che ti rechi in città, le cose non cambiano tanto. 2 giorni sono un tempo molto ridotto da trascorrere a Firenze e il tempo va sfruttato al massimo.

Non potrai permetterti di perdere due ore in fila alla cassa degli Uffizi, dunque nel corso della guida ti spiegheremo come prenotare i biglietti di ingresso alle attrazioni online, di modo da risparmiare tempo prezioso.

Per il nostro pernottamento, abbiamo scelto l’Hotel Laurus al Duomo, uno splendido hotel posto in posizione idilliaca e ideale per visitare il centro della città.

Vediamo però adesso quali attrazioni non potrete perdervi durante la vostra permanenza in città.

Consiglio da esperti

Florence Pass

Il Florence Pass consente di risparmiare parecchio sulla visita delle principali attrazioni di Firenze. Include l’ingresso a:

  • Galleria degli Uffizi
  • Galleria dell’Accademia
  • Bus turistico di Firenze
  • App con audioguida di Firenze
  • 10% di sconto su ulteriori ingressi ad attrazioni

Lo si può prenotare a questo indirizzo.


#1 Il Duomo di Firenze

cosa vedere a firenze in due giorni

Anche vista dall’alto o da qualche punto panoramico, ciò che maggiormente colpisce di Firenze è l’imponenza della cupolona autoportante, opera dal grande artista Brunelleschi, che è divenuto il simbolo maggiormente distintivo della città.

E’ questo il motivo che vi obbliga, specie se è la vostra prima volta a Firenze, a fare un salto e visitare questo splendido monumento.

Ci troviamo nella Cattedrale di Santa Maria del Fiore, anche nota semplicemente come Duomo di Firenze, sulla quale è possibile salire e godere del paesaggio più emozionante sopra la città.

Da lassù Firenze appare presa nello svolgimento delle attività quotidiane: i ristoranti aprono le loro porte, i bar e i café ospitano i turisti seduti ai tavoli a sorseggiare un caffè e il tradizionale mercato riempie l’aria con i suoi tipici rumori.

Ma la meraviglia non termina certo con il Duomo, poiché accanto sorgono il Battistero con il campanile di Giotto che, con i suoi 85 metri di altezza e i suoi 400 scalini, è il luogo ideale dal quale scattare splendide foto panoramiche sulla città.

In alta stagione per l’ingresso in Duomo è necessaria pazienza, perché l’alto numero di turisti causa spesso code e lunghe attese, che voi non potrete permettervi nel breve tempo durante il quale vi fermerete in città.

Per questo motivo consigliamo l’acquisto online dei biglietti, che permette di saltare le code e fare ingresso nel Duomo in maniera più veloce.

Il sito sul quale conviene acquistare è Tiqets, dove si trovano le migliori soluzioni al prezzo migliore. Di seguito è possibile prenotare l’ingresso riservato per la visita alla cupola in compagnia di una guidata esperta autorizzata:


#2 Il museo degli Uffizi

cosa vedere a firenze in due giorni

Anche coloro che non sono dei grandissimi appassionati d’arte, non potranno fare a meno di fare un salto alla Galleria degli Uffizi.

Il motivo è semplicemente che stiamo parlando di uno dei più bei musei a disposizione in Italia e al mondo. Gli Uffizi sono un museo curato in ogni dettaglio, accogliente e ricco di opere d’arte di grande interesse. Questo è il motivo per cui non potrete esimervi dal visitarlo.

Se proprio avete fretta, potrete decidere di dare una rapida occhiata, ma se invece volete godere appieno del museo, il mio consiglio è quello di trascorrerci almeno due ore.

Tra le incredibili opere che potrete trovare all’interno possiamo nominare La Nascita di Venere e la Primavera del Botticelli, La Velata di Raffaello o la Sacra Famiglia e Bacco di Michelangelo. Vi garantisco però che queste sono solo una parte della grande ricchezza artistica che gli Uffizi nascondono al loro interno. Se vuoi approfondire la conoscenza delle opere presenti nel museo, puoi consultare l’apposita sezione sul loro sito a questo link.

Anche in questo caso è però possibile assistere a lunghe code di ingresso, dunque l’acquisto online del biglietto salta-fila è d’obbligo.

Tra le soluzioni a disposizione potrete scegliere tra:


#3 La Galleria dell’Accademia

cosa vedere a firenze in due giorni

La Galleria dell’Accademia è sicuramente il secondo luogo d’arte di Firenze al quale non potrete proprio sottrarvi. La Galleria ospita numerose opere di grande spessore, ma la sua fama è dovuta principalmente al fatto che ospita al suo interno il famosissimo David di Michelangelo, una splendida statua marmorea che delinea il corpo perfetto di un uomo.

Al suo interno le sorprese sono però molto numerose, essendo presenti opere di Botticelli, del Ghirlandaio e di Andrea Del Sarto, solo per citarne alcuni.

Anche in questo caso rimane consigliabile l’acquisto online dei biglietti, che permette di evitare inutili attese all’ingresso.

Potrete scegliere tra:


#4 Ponte Vecchio

cosa vedere a firenze in due giorni

E’ ovvio che una visita a Firenze non potrà certo ridursi ad un semplice visitare di musei. Quando visito una nuova città, penso che la principale attrazione rimanga sempre il perdersi all’interno delle sue strade, senza una meta, annusando l’aria alla ricerca di odori e profumi caratteristici e lasciandosi stupire da scorci inaspettati che conquistano lo sguardo.

Firenze non può certo non subire la stessa sorte e il mio invito rimane quello di imboccare strade inaspettate, anche al di fuori del classico circuito turistico, alla ricerca di nuove immagini che potranno rimanere indelebili nella vostra mente.

Non so perché, ma nel vostro girovagare in città, arriverete prima o poi al famoso Ponte Vecchio, che attraversa l’Arno nel cuore della città.

Il Ponte Vecchio è una strana opera architettonica, proprio perché al di sopra del ponte sono ospitate delle vere e proprie abitazioni, al cui interno si nascondono antiche botteghe artigiani, orafi e negozi di souvenir.

Una passeggiata sul ponte rimane una tappa obbligatoria, così come lo scatto di alcune foto dai suoi argini. La zona è spesso molto frequentata, ma al primo mattino lo si può godere appieno senza troppi disturbi.


#5 Piazza della Signoria

cosa vedere a firenze in due giorni

Piazza della Signoria è una splendida piazza nel cuore della città di Firenze, sulla quale ha luogo l’intensa attività quotidiana della città.

Rientra a pieno titolo tra i luoghi da visitare in città perché sulla piazza si trovano alcune splendide opere che è possibile ammirare.

La prima è una riproduzione del David di Michelangelo (l’originale si trova all’interno della Galleria dell’Accademia); la seconda è invece la splendida Fontana del Nettuno realizzata da Bartolomeo Ammannati, che occupa il centro della piazza.

Sulla piazza affaccia poi il celebre Palazzo Vecchio, splendida opera architettonica trecentesca, oggi sede del Comune e del Sindaco di Firenze.

Al suo interno si trova anche un piccolo museo che è possibile visitare per fare un tuffo nella Firenze del passato, ai tempi della famiglia Medici, grandi mecenati della città.

I biglietti di ingresso con audio guida inclusa possono agevolmente essere prenotati qui, sul sito Tiqets.


#6 Giardino Boboli

cosa vedere a firenze in 2 giorni

Il Giardino Boboli è uno splendido giardino verde che nasce accanto al Palazzo Pitti (che vedremo nel paragrafo che segue). Il Giardino rappresenta uno dei più celebri esempi di giardino all’italiana al mondo ed è un vero e proprio museo a cielo aperto, grazie alla sua concezione architettonica e paesaggistica, nonché alle diverse statue che caratterizzano i suoi percorsi interni.

Furono realizzati dalla famiglia Medici a cavallo tra il XVI e XIX secolo e occupano un’area immensa di 45.000 metri quadri.

Tra vialetti ricoperti di ghiaia, fontane, laghetti e una varia ed eterogenea vegetazione, è possibile trascorrere qui qualche ora di tranquillità, magari riposandosi dopo la lunga camminata ad uno dei tanti musei della città.

L’ingresso al giardino può essere agevolmente prenotato online a questo link.


#7 Palazzo Pitti

cosa vedere a firenze in due giorni

Per finire, potrebbe essere di grande interesse recarsi in visita allo splendido Palazzo Pitti. Si tratta di un imponente palazzo rinascimentale, che sorge appena fuori dal pieno centro della città, facilmente raggiungibile a piedi.

Si trova nell’Oltrarno, a pochissima distanza da Ponte Vecchio.

Venne realizzato alla metà del 1400 per essere poi acquistato dalla famiglia Medici nel corso del 1500, divenendo residenza principale dei Granduchi di Toscana.

Nei 5 anni durante i quali Firenze divenne capitale d’Italia, divenne il palazzo reale dei Savoia, per poi essere donato allo stato nel 1919.

Da allora è sede di un museo statale e ospita 4 diverse collezioni:

  • Il Tesoro dei Granduchi;
  • La Galleria Palatina;
  • La Galleria d’Arte Moderna;
  • Il Museo della Moda e del Costume.

Tra i biglietti acquistabili online per non fare la fila di ingresso a Palazzo Pitti sono disponibili:


Dove dormire a Firenze?

Per dormire a Firenze, avendo voi necessità di trascorrere una notte in città, sono numerose le soluzioni che potreste trovare. In città sono infatti disponibili numerosi hotel, bed & breakfast o appartamenti in affitto.

Abbiamo già avuto modo di approfondire l’argomento nella nostra guida sui migliori quartieri dove dormire a Firenze, ma cogliamo l’occasione per proporvi qui di seguito tre strutture che potreste prendere in considerazione per il vostro pernottamento.

  • Hotel Croce di Malta: è uno dei miei hotel preferiti in città, poiché il suo costo è ragionevole per un hotel a 4 stelle. Si trova nel centro di Firenze, a poca distanza dalla stazione dei treni di Santa Maria Novella, ed è dotato di un bel giardino interno e di piscina. Le camere sono dotate di ogni comfort necessario durante la vostra gita in città e la prima colazione offre soluzioni perfette per ogni palato. A disposizione anche il ristorante dell’hotel, dove si mangia veramente bene. Tra i plus va inoltre ricordata una splendida terrazza con vista sul cupolone.
  • Sette Angeli Rooms: gli amanti dei bed and breakfast dovranno prendere in considerazione questa splendida sistemazione che sorge in un edificio storico nel centro di Firenze. Nella sua essenzialità, questa soluzione colpisce per le camere, arredate con gusto e dotate di ogni comfort, nonché per la sua posizione centrale, ideale per visitare il centro della città.

Come arrivare a Firenze?

Raggiungere Firenze non è poi così complicato perché la città è ben collegata al resto d’Italia da mezzi pubblici o autostrade che consentono di arrivare in città molto rapidamente. Vediamo come giungere in città con i principali mezzi.


In auto

Se arrivate dal Nord Est d’Italia, vi occorrerà imboccare l’autostrada A22, che collega il Brennero a Modena. Giunti nei pressi di Modena occorrerà cambiare autostrada, imboccando l’autostrada A1 in direzione Firenze, che attraversa tutti gli Appennini. Di lì a poco si giunge a destinazione.

Dal Nord Ovest d’Italia (da Milano ad esempio) è invece sufficiente imboccare l’autostrada A1 sino a Bologna e da lì seguire le indicazioni per Firenze.

Se invece partite da Genova occorrerà percorrere l’autostrada litoranea A12 e nei pressi di Viareggio seguire le indicazioni per Firenze.

Viaggiando da Sud (da Roma ad esempio) è possibile percorrere l’autostrada A1 in direzione Nord, prendere l’uscita Valdichiana verso Bettolle e proseguire sulla strada provinciale 327. Si prosegue sino a raggiungere l’imbocco della strada statale 715 raggiungendo Siena e da qui si imbocca il raccordo autostradale Siena – Firenze sino all’uscita Firenze Scandicci.


In autobus

Un metodo molto comoda per raggiungere Firenze è l’autobus, specie se si sfruttano i collegamenti super economici che mette a disposizione Flixbus. La compagnia collega infatti numerose città italiane a Firenze e rappresenta una delle soluzioni più flessibili ed economiche per muoversi in questa direzione. Per scoprire i dettagli dei collegamento basta cliccare su questo link.


In treno

Firenze è molto ben collegata alla rete ferroviaria ed è possibile raggiungerla sfruttando sia i collegamenti della FS che quelle di Italo Treno. Un modo molto comodo per trovare offerte su entrambi i siti è quello di affidarsi al sito Trainline, che riesce ad individuare i migliori collegamenti ferroviari in tutta Europa in maniera semplice e veloce, riuscendo a trovare sempre le offerte migliori.


Potrebbe anche interessarti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna su