Come visitare la Cappella Sistina e i Musei Vaticani

Come visitare la Cappella Sistina e i Musei Vaticani: orari, biglietti e info utili

Se esiste un luogo che è capace di suscitare enormi emozioni in me in Italia, questo è proprio la Cappella Sistina e i vicini Musei Vaticani. Ricordo ancora la prima volta che mi recai in visita.

Dopo una coda lunghissima alle casse per l’acquisto dei biglietti (si ai tempi non c’era ancora la possibilità di acquistare i biglietti salta-fila su internet), iniziai ad inoltrarmi alla scoperta di questo luogo magico, all’interno del quale il tempo si ferma e solo l’arte la fa da padrone.

La Cappella Sistina è veramente un luogo unico al mondo, capace di emozionare con forza lo spettatore, specie alla prima visita. Forse solo gli scavi di Pompei sono stati in grado di suscitare in me un’emozione simile.

Ci troviamo sicuramente in uno dei luoghi maggiormenti simbolici dell’Italia, il luogo dove Michelangelo, più di 500 anni fa, dipinse il suo celebre capolavoro Il Giudizio Universale.

In un luogo così grande e un poco complesso, bisogna avere alcune accortezze per riuscire ad organizzare al meglio la visita. Ecco il motivo per cui nasce questa guida: aiutarvi a non arrivare impreparati davanti all’ingresso della Cappella Sistina e dei Musei Vaticani!


Come arrivare

Al fine di organizzare al meglio la vostra visita, occorre ovviamente giungere nella città di Roma e qui ci sono tre principali possibilità:

  • Arrivare in treno: Roma è collegata strabene dalla linea ferroviaria con treni provenienti da tutta Italia. Verificate sui siti di Trenitalia e Italo, le migliori soluzioni.
  • Arrivare in aereo: l’aeroporto di Ciampino e di Fiumicino sono anche collegati molto bene a tutte le destinazioni italiane da numerose compagnie aeree, prima fra tutte Alitalia.
  • Arrivare in autobus: qui potete risparmiare solitamente tanti soldi. Date un’occhiata agli autobus della Flixbus, che collegano Roma a numerose altre città italiane a prezzi imbattibili.

Se arrivate in aereo, dovrete poi preoccuparvi del transfer sino in città. Esistono varie offerte, se volete qui trovate una soluzione economica e professionale che può aiutarvi.

Arrivando in treno o in autobus basterà invece prendere la metro A sino alla fermata Ottaviano – San Pietro – Musei Vaticani.

Una soluzione interessante e che vi farebbe risparmiare qualche soldo è quella di acquistare il ROMA PASS [Link a Getyourguide], una card della città di Roma che da diritto alla visita gratuita ad 1 o 2 attrazioni e i trasporti pubblici completamente gratuiti!


Orari di apertura della Cappella Sistina e dei Musei Vaticani

Una volta giunti a Roma, occorre pianificare con attenzione la visita. Innanzitutto dovremo capire quali sono gli orari di apertura, in modo da selezionare l’orario più congeniale alle nostre esigenze.

GiornoOrari di aperturaUltimo ingresso
Dal lunedì al giovedìDalle 10 alle 2018:00
Venerdì e sabatoDalle 10 alle 2220:00

La Cappella Sistina e i Musei Vaticano chiudono tutte le domeniche e al momento, a causa della pandemia di Covid-19, anche le aperture straordinarie l’ultima domenica del mese, in vigore sino a poco tempo fa, sono sospese.

Ulteriori giorni di chiusura sono 11 e 29 Giugno, 14 e 15 Agosto, 8, 25 e 26 Dicembre.

L’accesso ai Musei è oggi consentito solo muniti di prenotazione online.

Tenete presente che ogni giorno decine di centinaia di turisti si recano ai Musei Vaticani per vedere la Cappella Sistina e bisogna prepararsi ad essere stretti! Nonostante le misure prese per il distanziamento sociale, si sarà sicuramente in tanti all’interno dei musei.

Se preferisci stare tranquillo ed evitare al massimo la calca, è meglio che ti rechi ai musei di prima mattina, quando l’afflusso di turisti è più ridotto.

Qui trovi l’ingresso VIP ai Musei, che garantisce una minore presenza di persone.


Dove acquistare i biglietti di ingresso per la Cappella Sistina e i Musei Vaticani

Sia per regolare meglio gli accessi, ma anche per evitare possibili assembramenti a seguito della pandemia di Covid-19, l’ingresso alla Cappella Sistina e ai Musei Vaticani è possibile esclusivamente previo acquisto dei biglietti di ingresso online.

Ci sono vari luoghi dove è possibile acquistare questi biglietti, ma io personalmente mi sono sempre trovato così bene con Getyourguide, un sito che è appunto specialista nella vendita di esperienze di ogni genere, che vi proporrò la loro offerta.

Due parole su Getyourguide e perché sceglierlo:

  • Vi permette di prenotare e stornare la prenotazione sino al giorno prima dell’evento: cosa impossibile prenotando dal sito ufficiale.
  • Non prevede costi maggiori rispetto al sito ufficiale.
  • Ha un’ampia gamma di possibilità, in modo da scegliere il tipo di visita a te più congeniale.

Vediamo insieme quali sono le principali possibilità.


#1 Ingresso prioritario

La prima possibilità per recarci in visita alla Cappella Sistina e ai Musei Vaticani è proprio un semplice ingresso prioritario. Questo tipo di ingresso è il più semplice, poiché consente di visitare il museo in piena libertà e decidendo i ritmi della visita.

Con l’ingresso sono inclusi gli auricolari per ascoltare le audioguide che ti accompagnano nel percorso, raccontando i dati più significativi rispetto alle meraviglie che si prospettano davanti ai vostri occhi.

Si accede in maniera quasi immediata, senza eccessive code all’ingresso e si visita il museo in completa libertà, senza percorsi predefiniti da seguire.

Il lato negativo di questo tipo di ingresso è ovviamente l’assenza di una guida, che possa spiegare i dettagli delle opere d’arte e che possa aggiungere quel pizzico di personalità all’esperienza.

Non avrai inoltre nessuno che possa rispondere ai dubbi o alle domande che potrebbero sorgere durante la visita.

Ovviamente però è il biglietto più economico a disposizione! Puoi trovare qui maggiori informazioni.


#2 Visita guidata alla Cappella Sistina e ai Musei Vaticani

La seconda possibilità a disposizione per la visita alla Cappella Sistina e ai Musei Vaticani è quella di selezionare un tour con una guida turistica esperta al tuo fianco. La differenza principale con il tipo di ingresso visto in precedenza è che in questo caso durante la visita saremo accompagnati da una guida esperta del settore.

Il vantaggio è quello di poter ascoltare dal vivo le parole di un esperto mentre ci accingiamo a scoprire il museo. La guida sarà poi sempre disponibile a rispondere alle nostre domande e curiosità.

E’ sicuramente un tipo di visita più completo rispetto al precedente, poiché permette di conoscere maggiori dettagli su ciò che ci si prospetta davanti agli occhi.

Si visiterà il museo con altri partecipanti, ma sempre con un numero ridotto di massimo 15 persone.

Si tratta forse della migliore scelta per massimizzare l’esperienza ai musei, ideale per coloro che amano l’arte rinascimentale italiana e ne vogliono conoscere tutti i dettagli. Cliccando qui puoi scoprire maggiori informazioni.


#3 Visita serale alla Cappella Sistina e ai Musei Vaticani

Una terza ideale soluzione per visitare la Cappella Sistina e i Musei Vaticani evitando assembramenti o folla eccessiva è quella di scegliere un tour serale dei musei.

Ci sono effettivamente varie proposte, ma io voglio proporvi questa soluzione che mi pare una delle migliori in circolazione.

Si tratta di un tour della durata di 2,5 ore che vi porterà alla scoperta dei tesori nascosti all’interno del Vaticano, che prevede l’acceso autorizzato alla sera all’interno dei Musei in compagnia di una guida esperta.

La visita serale è un’esperienza speciale, che consente di godere dei Musei in tutta tranquillità e assaporare la magia di questi luoghi incantati in piena tranquillità.

Il tour avrà inizio alle ore 19:00. Puoi trovare maggiori informazioni cliccando qui.


#4 Visita alla Cappella Sistina e ai Musei Vaticani con bambini

Tutti coloro che hanno bambini sanno benissimo che la visita ad un museo in loro compagnia può essere un poco difficoltosa. Il motivo è semplice: la maggior parte dei musei italiani non sono a misura di bambini!

Per questo motivo è spesso meglio scegliere un ingresso ai musei che prenda in giusta considerazione le necessità principali dei nostri piccoli visitatori.

In questo caso è meglio pensare a qualche soluzione ad hoc, che per fortuna esiste.

Acquistando questo tipo di ingresso non rimarrete certo delusi, basta leggere le recensioni lasciate da coloro che hanno già provato l’esperienza. Con questa scelta sarete accompagnati da esperte guide, che oltre a conoscere in maniera approfondita i Musei Vaticani, sanno come intrattenere i più piccoli e destare il loro interesse per le intense 3 ore di visita.

Puoi cliccare qui per conoscere i dettagli dell’offerta.


#5 Visita alla Cappella Sistina e ai Musei Vaticani per disabili

Spesso dimenticati dagli stessi musei, le persone diversamente abili finiscono per sentirsi ulteriormente trascurate non avendo accesso ai principali musei in Italia.

Che io sappia era così anche per i Musei Vaticani, sino a quando mi sono imbattuto in questa offerta.

Per fortuna al giorno d’oggi è possibile visitare i musei anche se non si è proprio pienamente abili, anche se purtroppo bisogna acquistare un biglietto apposito.

Vi lascio il link per approfondire, basta cliccare sul bottone qui di seguito.


#6 Tour virtuale online della Cappella Sistina e del Vaticano

Se proprio non siete in grado di arrivare sino a Roma, niente paura. Esiste infatti lo possibilità di visitare i musei vaticani e la Cappella Sistina in piena tranquillità dal divano di casa propria.

Con questo tour virtuale e online della Cappella Sistina e del Vaticano intero, compresa la Basilica di San Pietro, potrete infatti andare alla scoperta dei tesori artistici nascosti all’interno del Vaticano da casa vostra senza la necessità di muovervi da casa.

Accompagnati da un esperto di Vaticano che racconta la storia di questo luogo, potrete scoprire le meraviglie della Cappella Sistina da un angolazione unica e proprio dal vostro computer.

Si tratta di un tour interattivo ricco di sondaggi e domande con risposte in tempo reale. Durata di 1 ora. Qui trovi maggiori dettagli.


Dove si trovano la Cappella Sistina e i Musei Vaticani?

La risposta a questa domanda che verrebbe in mente è proprio: nella città di Roma. In realtà questa risposta non è proprio azzeccata.

Non ci si trova infatti esattamente a Roma e neanche in Italia per essere sinceri. La Cappella Sistina e i Musei Vaticani si trovano infatti nella Città del Vaticano, uno stato che ha la sua autonomia e che fisicamente si trova all’interno della città di Roma, ma che è poi politicamente indipendente sia dalla città che dallo stato Italiano, nonostante gli ovvi rapporti di vicinato che esistono tra i due stati.


Perché cappella sistina si chiama cosi?

Il nome Cappella Sistina deriva dal nome di un Papa, Sisto IV della Rovere. Questo papa, a seguito della sua elezione nel 1471, diede vita ad una grande opera di ristrutturazione su tutta la città di Roma, conclusasi con il completo rinnovamento della Cappella Palatina, di origine medievale, che ai tempi versava in pessime condizioni.

La Cappella Palatina prese quindi il nome di Cappella Sistina, proprio in suo onore e divenne presto il teatro di solenni cerimonie di stampo cristiano cattolico, in modo da trasmettere al mondo interno la solennità e il vestigio dell’intero Vaticano.

I lavori durarono alcuni anni, nello specifico dal 1477 al 1481 e videro protagonisti dei grandi artisti dell’epoca del calibro di Botticelli, Perugino, Ghirlandaio e Pinturicchio.

Eh si, Michelangelo, con il suo magnifico capolavoro, vennero qualche anno dopo e sotto un Papa differente.


Perché nella Cappella Sistina non si possono fare foto?

Ebbene sì, all’interno della Cappella Sistina, non è possibile scattare fotografie per svariati motivi. Questa regola è d’altronde seguita da numerosi musei, poiché pare che il flash delle foto danneggi le opere d’arte, rovinandone le tinte.

Bisogna poi ricordarci che ci troviamo in un luogo sacro per eccellenza e che l’esimersi da fare foto fa parte del rispetto dovuto ad una simile location.

Se vi state chiedendo perché allora Fedez e la Ferragni sono riusciti a scattarsi selfie all’interno, la risposta è altrettando semplice. Esistono visite private alla Cappella Sistina durante le quali sono consentite le foto, ma senza l’ausilio del flash.


Quando è stata dipinta la Cappella Sistina?

Come brevemente già accennato in precedenza, i primi lavori di rinnovamento della Cappella Sistina ebbero inizio nel 1477 e qui vennero realizzati i primi dipinti, curati da alcuni dei maggiori artisti dell’epoca.

Il secondo e più importante ciclo di affreschi della Cappella Sistina avviene però più tardi: è il 1536 quando Michelangelo inizia a dipingerne la volta e terminerà solo nel 1541, dando vita a quel grande vortice azzurro, rappresentante un cielo stellato, che lascia gli spettatori di tutto il mondo a lungo con il naso all’insù.


Come vestirsi per la visita alla Cappella Sistina e Musei Vaticani?

Visitare i Musei Vaticani e la Cappella Sistina non è una semplice esperienza, come andare al mercato, ma qualcosa di ben diverso. Ci troviamo al centro dei luoghi che esprimo il più grande senso di sacralità al mondo, nel cuore del Cristianesimo e in territorio sacro.

Per questo motivo per visitare questi luoghi è richiesto un abbigliamento consono all’evento e al luogo nel quale ci apprestiamo a fare ingresso.

Il consiglio è quello di indossare camicia e pantaloni lunghi, mentre sono completamente banditi abiti scollati o privi di maniche, pantaloncini o minigonne.

In caso vi troviate con l’abbigliamento errato davanti alle porte di ingresso, è possibile acquistare in loco delle mantelline, capaci di coprire ginocchia e spalle.

Per quanto riguarda invece le scarpe, tenete presente che in media la visita dei Musei Vaticani dura circa 3 ore. Non vi consiglierei dunque di arrivare con tacchi a spillo, ma piuttosto indossare scarpe comode per rimanere in piedi a lungo.


Quanto dura la visita alla Cappella Sistina e ai Musei Vaticani?

Dare una risposta univoca a questa domanda non è semplice, poiché i Musei Vaticani hanno una dimensione enorme e molto dipende dall’attenzione che lo spettatore intende riporre nella sua visita.

In linea generale è però possibile affermare che una visita completa duri in media circa 3 ore. Ovviamente è possibile che la visita sia più veloce, ma al posto vostro terrei conto di almeno 2 ore di permanenza all’interno.


Quando è meglio visitare i Musei Vaticani?

Per la visita, le due migliori soluzioni sono recarsi al museo alla mattina appena vengono aperti i cancelli, dunque intorno alle 10:00 del mattino; oppure nel tardo pomeriggio, dopo le 16:30.

In queste fasce orarie l’afflusso turistico è più ridotto e si riesce a godere meglio dell’esperienza.


Quali misure sono state adottate alla Cappella Sistina e ai Musei Vaticani contro il Covid-19?

Dopo il lungo stop causato dalla pandemia di Covid-19, i Musei Vaticani hanno finalmente riaperto al pubblico. E’ stato un periodo difficile per tutti quanti e ovviamente e soprattutto anche per i musei, che hanno quindi dovuto prendere dovute precauzioni, per rendere di nuovo accessibili i locali in sicurezza.

Come prima cosa non è più possibile accedere ai musei sprovvisti di prenotazione online. Si possono acquistare i biglietti sul sito ufficiale del Vaticano, dove però non è possibile stornare la prenotazione effettuata in caso di imprevisti, oppure su rivenditori autorizzati, come Getyourguide appunto.

Gli ingressi sono contingentati e organizzati su fasce orarie di ingresso distanziate di 15 minuti ognuna. Al momento della prenotazione occorrerà dunque selezionare l’orario di ingresso e attenersi strettamente a quell’orario.

Si consiglia di recarsi sul luogo con un po di anticipo, di modo che non sorga alcun tipo di problema. In caso di ritardo superiore ai 15 minuti previsti infatti, l’ingresso potrebbe essere vietato e non si avrebbe diritto ad alcun rimborso.

Prima dell’accesso ai locali dei Musei Vaticani occorre indossare la mascherina che copra naso e bocca per l’intera durata della visita. Ciascun visitatore verrà poi sottoposto all’ingresso al controllo della temperatura corporea e sarà negato l’accesso a tutti coloro che avranno una temperatura superiore ai 37,5°.

All’interno del museo è necessario mantenere sempre la distanza di sicurezza di almeno 1 metro dalle altre persone e sono assolutamente vietati gli assembramenti. Il personale del museo vigila attentamente, affinché simili episodi non si presentino.

Eventuali audioguide e apparecchi elettrici saranno sanificati più volte al giorno dal personale, mentre la Basilica di San Pietro rimarrà ancora chiusa sino a data da destinarsi.


Cosa vedere alla Cappella Sistina e ai Musei Vaticani?

Ma cosa si cela all’interno dei Musei Vaticani e della Cappella Sistina da rendere questo luogo un posto così interessante agli occhi del visitatore?

Sicuramente la cosa più evidente è l’immenso numero di affreschi presenti al suo interno. Un lavoro iniziato nel 1471 quando Botticelli, il Ghirlandaio, il Perugino e il Pinturicchio iniziarono a dipingere le pareti laterali della cappella con scene tratte dal Nuovo Testamento e completato quando Michelangelo nel secolo successivo completò la splendida volta che sorvola la cappella, costringendo i visitatori a trascorrere la maggior parte del tempo in ammirazione col naso all’insù.

Dal lavoro di Michelangelo, lasciato libero di interpretare la volta come meglio credeva, nacque quello splendido capolavoro che è il Giudizio Universale, l’attrazione principale del Museo, che con la sua fama attira a sè ogni giorno migliaia di visitatori incuriositi.

Ma quali sono i capolavori nascosti all’interno della cappella? Scopriamoli insieme singolarmente.


Gli Antenati di Cristo

All’interno delle lunette presenti nella cappella, Michelangelo decise di rappresentare gli antenati di Cristo, gli anticipatori della sua venuta al mondo.

Questi sono originariamente elencati nel Vangelo di Matteo, il quale riporta i nomi di 40 progenitori di Cristo, partendo proprio da Abramo.

Michelangelo sceglie di rappresentarli non come immagini storiche, ma come rappresentazioni simboliche di un mondo ripreso in diversi atteggiamenti, ma con un particolare focus sulla costituzione dei nuclei familiari.

Nonostante la presenza di alcuni nomi scritti sulle targhe, gli studi condotti sino ad oggi non sono stati in grado di ricondurre le raffigurazioni ad una precisa identificazione.


I Nove episodi della Genesi

Sulla volta trovano invece spazio 9 episodi della Genesi che è possibile classificare in 3 gruppi principali: l’Origine dell’Universo, del Male e dell’Uomo.

Nel primo gruppo è Dio ad essere il vero protagonista della scena, dando vita alle seguenti scene: la Creazione degli astri e delle piante, la Divisione delle Acque dalla Terra, la Divisione della Luce dalle Tenebre e la Creazione degli Animali.

Nelle scene de La Creazione del Mondo, Dio è rappresentato in maniera imponente, in volo su spazi immensi e attorniato dal suo mantello rosato.

Ne La Creazione degli Astri e delle Piante invece Dio è rappresentato due volte. La prima mentre crea gli astri con le braccia spalancate, la seconda invece mentre crea le piante allungando la mano destra. La sua potenza è simboleggiata dal vento impetuoso che gli scompiglia la barba e i capelli.

Ne La Separazione della Terra dalle Acque invece Dio vola sulle acque con alle spalle un cielo terso e azzurro e mantiene le braccia aperte, in segno di forza e potere.

Il secondo gruppo è invece formato da la Creazione dell’uomo, la Creazione della Donna e l’Espulsione dal Paradiso.

Di grande rilevanza storica e artistica è sicuramente la Creazione dell’Uomo, rappresentato dunque da Adamo.

Su uno sfondo tenue e luminoso, Adamo si trova su un pendio accovacciato, mentre tende le braccia verso il Signore, cercando quasi di sollevarsi da terra.

Dio invece gli si staglia davanti, attorniato da un gruppo di angeli che lo sostengono. Questo affresco è ricco di metafore e simboli. In primo luogo il viso di Abram è giovane e scarno, mentre quello di Dio è segnato, con capelli e barba lunghi a simboleggiarne la saggezza.

Anche le dita delle mani si contrappongono, quelle di Adamo sono flebili e insicure, quelle di Dio decise e ferme.

In posizione centrale trova spazio invece La Creazione di Eva, da sempre simbolicamente interpretata come Maria, a sua volta simboleggiante la Chiesa Cattolica.

Mentre Adamo è completamente nudo sulla parte bassa dell’affresco, appoggiato ad un albero, Eva, anch’essa nuda, mentiene un aspetto sveglia e attento, mentre il Signore le sta in piedi di fronte, indicando verso l’alto.

La figura di Dio è quindi questa volta rappresentata a terra, a differenza che nelle precedenti raffigurazioni, che lo rappresentavano sempre in volo.

Il secondo gruppo si conclude infine con Il Peccato Originale dell’Uomo e la Cacciata dal Paradiso Terrestre. Nel primo affresco Adamo ed Eva sono rappresentati giovani e senza pensieri, mentre Adamo cerca di cogliere un frutto dall’Albero della Conoscenza che domina la scena.

Una volta cacciati dal Paradiso dall’angelo, inviato da Dio, i volti dei due si trasformano diventando rugosi e avviliti.

Nel terzo gruppo incrociamo invece il Sacrificio di Noè, Il Diluvio Universale e l’Ebrezza di Noè.

Il Sacrificio di Noè mostra gli sforzi di Noè per riappacificarsi a Dio, dopo che si era salvato con l’arca dal Diluvio Universale.

La scena raffigura il sacrificio a Dio in segno di dedizione, di alcuni animali accompagnati da alcuni inservienti: due arieti, un toro, due cavalli e un elefante.

Il Diluvio Universale vede invece raffigurati ben 60 soggetti, di piccole dimensioni e spesso nudi. L’affresco è ricco di simbolismo: i giusti trovano spazio sull’Arca, simbolo della Chiesa, mentre il resto delle persone non trovano spazio per via della loro malignità o per il semplice eccessivo attaccamento alle cose terrene.

Il gruppo termina con l’Ebrezza di Noè, in cui il patriarca è raffigurato nudro e assopito, disteso su un frugale giaciglio. Sulla destra sono presenti i figli del patriarca, anch’essi nudi e intenti a prendersi cura del padre.

Uno dei tre figli di Noè, Cam, distende invece il braccio verso il padre, quasi a deriderlo. Noè in seguito ne maledirà la stirpe.


Profeti e Sibille

Sui lati lunghi svettano gli affreschi di Profeti e Sibille, mentre su quelli corti trovano spazio le figure di Zaccaria e di Giona, posto sopra l’Altare.

Sull’affresco i veggenti sono identificati da una targa e sono poi coloro che per primi annunciarono la venuta di Cristo.

I Profeti e le Sibille altro non sono che il simbolo dell’Umanità in perenne attesa di Redenzione. I Profeti furono infatti i primi a preannunciare la venuta di Cristo per il popolo di Israele, le Sibille invece sono raffigurate per le loro abili dote di indovine, nonostante la loro origine sia poi pagana.

Con l’introduzione delle Sibille si volle insomma allargare l’attesa della Redenzione dal popolo eletto all’intera Umanità.


Il Giudizio Universale

Giungiamo infine al vero protagonista dell’intera Cappella Sistina, ovvero al Giudizio Universale. In questa opera di immense dimensioni, Michelangelo rappresenta il momento del suono della tromba da parte degli Angeli, ad annunciare lo scatenarsi dell’Apocalisse.

Cristo resuscita i morti e porta a se i giusti, chiedendo agli angeli di confinare i dananti all’Inferno.

Nella raffigurazione, mentre i dannati precipitano in basso verso l’inferno, i beati salgono in alto verso il Paradiso. Al centro del dipinto dominano con imponenza la figura centrale di Cristo e della Vergine.

Al suonare delle trombe Gesù divide i Beati dai dannati, condannando questi ultimi alle porte dell’Inferno.

Sulle due lunette superiori, gli Angeli tengono con se i simboli della passione di Cristo: la corona di spine, la croce e la colonna della flagellazione. Attorno alla figura di Cristo si accostano invece un vario insieme di personaggi, composto da apostoli, patriarchi, profeti ed eroine bibliche, ma anche santi, martiri e vergini.

Gesù assume l’aspetto di una figura classica, rappresentato semi-nudo, avvolto da un solo mantello bianco, nell’atto di protrarsi in avanti.

La sua mano sinistra chiama a se i beati, mentre la destra destina i dannati all’inferno. La Vergine è posta invece accanto a Gesù, ma in posizione meno imponente, con lo sguardo rivolto a sinistra, quasi a volersi proteggere facendosi scudo del corpo del figlio.

In basso a sinistra è rappresentata la resurrezione dei morti, mentre in alto a sinistra i beati salgono verso il Paradiso.

In basso al centro gli Angeli suonano le trombe, mentre sulla destra i dannati sono cacciati verso il basso e verso l’Inferno con forza.

Il clima che traspare dall’affresco non è certo di sollievo, quanto di paura che arriva a trasformarsi quasi in terrore, influenzato forse dall’età avanzata dell’artista e dal suo pessimismo in peggioramento.

Questo clima si discosta molto dalle atmosfere serene e tranquille che caratterizzarono il primo Rinascimento, ma l’impatto del dipinto sull’occhio dello spettatore rimane forte e imponente, al punto di necessitare parecchi minuti di osservazione per riuscire a metabolizzare l’imponenza di un’opera che al suo interno conta più di 400 persone.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna su