come trasportare in auto bambini e neonati

Come trasportare in auto bambini e neonati

Forse ve lo avevo già anticipato in uno degli ultimi articoli scritti. Il 2020 ha in serbo per me una splendida novità tanto attesa.

Tra fine Maggio e inizio Giugno, la mia famiglia si allarga e un bimbo allieterà le mie giornate e quelle di mia moglie.

Quale migliore notizia per iniziare l’anno?

E’ questo il motivo che spinge la mia mente sempre di più ad occuparsi di tematiche riguardanti il mondo dei neonati. Devo ammettere che non è un argomento semplice.

Ci sono così tante cose a cui pensare e tanti argomenti sono molto tecnici e di difficile comprensione.

Quest’oggi voglio parlarvi di una tematica che ho studiato a fondo, perché mi sta particolarmente a cuore, ovvero del trasporto di bambini e neonati in auto.

Non è certo un tema semplice, viste anche le nuove direttive che hanno introdotto diverse novità proprio l’anno appena trascorso.

Cercherò di fare un minimo di chiarezza e di condividere con voi tutto ciò che ho imparato negli ultimi mesi. Partiamo subito dalle basi.


Come trasportare un neonato in automobile?

Cominciano ad esaminare quali siano le modalità di trasporto di un bebé appena nato o nelle prime settimane di vita in macchina.

Si tratta di una delle prime esigenze con le quali ci si scontra, poiché subito dopo il parto è necessario trasportare il neonato dall’ospedale a casa.

In base alla distanza della propria abitazione dall’ospedale, potrebbe essere una cosa da non dar certo per scontata.

L’obiettivo non è solo quello di far le cose per bene per evitare sanzioni, ma soprattutto quello di garantire al piccolo il massimo della sicurezza durante la marcia.


Il miglior mezzo di trasporto per neonati

Al contrario di ciò che io inizialmente ero portato a pensare, un neonato nelle sue prime settimane di vita, è meglio che non venga trasportato sul seggiolino.

Il seggiolino infatti mal si adatta al neonato, che ha ancora difficoltà a mantenere in autonomia la testa in posizione eretta.

La posizione consigliata per il neonato è sempre quella distesa, quindi sarà necessario un supporto che garantisca che il bambino mantenga questa posizione.

Lo strumento più corretto è in questo caso la navicella, ovvero quello strumento incluso quando acquistate un passeggino trio, che mantiene il bimbo in posizione orizzontale.

Fate però attenzione perché non tutte le navicelle si adattano per il trasporto in auto. Queste devono infatti essere omologate al trasporto in auto di neonati.

Le navicelle vanno poste in posizione trasversale rispetto al senso di marcia e devono essere fissate ai sedili tramite appositi kit omologati, che ne garantiscono la tenuta in completa sicurezza.

Il bambino viene ancorato ai sedili tramite tre diversi punti di ancoraggio e/o una fascia addominale.

Se non siete in possesso di un simile strumento è vincolante acquistarne uno nuovo. Di seguito vi propongo un modello che ben si adatta a questo scopo.

Bébé Confort Compact Navicella Omologata Auto per Neonati, Colore River Blue
  • Navicella ultra leggera e compatta
  • Utilizzabile con carrozzina e in auto
  • Cinture di sicurezza a 3 punti e protezione integrata per il capo
  • Funzione dondolo se appoggiata a terra
  • Sfoderabile e lavabile

Prima dell’acquisto però vi consiglio di parlare con l’ospedale dove nascerà vostro figlio, poiché i consigli in questa tematica possono essere diversi da ospedale a ospedale.

Io vivo ad esempio a Bolzano, dove pare che attualmente si tenda a sconsigliare la navicella, a favore nuovamente del seggiolino. Quindi meglio informarsi prima.


Come trasportare i bambini in auto?

Occupiamoci ora dei bambini di età più adulta e vediamo quali siano le accortezze da seguire per il loro trasporto in automobile.

Il codice della strada prevede una precisa normativa che regola questo tipo di trasporto all’articolo 172 comma 1:

Il conducente ed i passeggeri dei veicoli …. muniti di cintura di sicurezza, hanno l’obbligo di utilizzarle in qualsiasi situazione di marcia. I bambini di statura inferiore a 1,50 m devono essere assicurati al sedile con un sistema di ritenuta per bambini, adeguato al loro peso, di tipo omologato secondo le normative stabilite dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, conformemente ai regolamenti della Commissione economica per l’Europa delle Nazioni Unite o alle equivalenti direttive comunitarie.

Sono quindi obbligati ad utilizzare appositi sistemi di ancoraggio al sedile tutti i bambini che abbiano una statura inferiore a 1,50 m.


Che tipo di seggiolini occorre utilizzare?

Occorre quindi che i bambini al di sotto di una statura di 1,50 metri utilizzino appositi seggiolini per il trasporto in automobile.

In commercio esistono ovviamente numerosissimi seggiolini, ma la principale differenza della quale occorre tener conto è la loro idoneità a contenere bambini di diverso peso.

I seggiolini sono infatti classificati in modelli diversi, in base a quale sia il peso del bambino che utilizzerà poi il dispositivo. La tabella che segue ne riassume la classificazione.

SeggiolinoLimite di pesoLimite di età (circa)Modello esempio
Gruppo 010 kg12 mesi Seggiolini
Gruppo 0+13 kg18 mesi Seggiolini
Gruppo 19 – 18 kg9 mesi – 4 anni Seggiolini
Gruppo 215 – 25 kg3 – 6 anni Seggiolini
Gruppo 322 – 36 kg5 – 12 anni Seggiolini

I rialzi, meglio conosciuti sotto il profilo tecnico come sistemi di ritenuta non integrali, omologati a norma di legge e senza schienale possono essere utilizzati solo per bambini di altezza superiore ai 125 cm. I modelli di rialzo con schienale invece possono essere usati solo con bambini di altezza inferiore ai 125 cm.


La nuova normativa del 2019 sui seggioloni auto

Come anticipato precedentemente, nel corso del 2019 è intervenuta una nuova normativa che ha inasprito le richieste di caratteristiche tecniche riservata ai seggiolini auto.

La legge ECE R44/04 aveva già in precedenza previsto l’obbligo di dotare ogni automobile di agganci ISOFIX, mentre con la nuova direttiva ECE R129 si fa un ulteriore passo in avanti.

La nuova normativa obbliga l’applicazione dei seggiolini all’interno dell’auto tramite sistema di agganci ISOFIX, che garantiscono una perfetta stabilità e riducono al minimo il rischio di scorretta installazione del seggiolino.

La normativa viene spessi definita I-size e regolamenta solo i seggiolini auto di categoria 0+ e 1, ovvero quelli adatti ai bambini sino ai 105 cm di altezza.

Per i restanti seggiolini è prevista un’integrazione normativa nei prossimi anni.


Che cos’è il sistema ISOFIX?

L’ISOFIX è un sistema di aggancio standard internazionale che consente di installare un seggiolino al sedile dell’automobile, senza l’utilizzo delle cinture di sicurezza.

Si tratta di una bella innovazione, poiché grazie a questo sistema è praticamente impossibile installare in maniera scorretta il seggiolini all’auto, mentre precedentemente il rischio di errore era abbastanza elevato.


Come è fatto il sistema ISOFIX?

Sono tre i principali componenti del sistema ISOFIX:

  • Il sistema di aggancio in auto: si tratta di due agganci saldati al telaio del sedile e posti tra la seduta e lo schienale ad una distanza di 28 cm l’uno dall’altro.
  • L’ancoraggio ISOFIX al seggiolino: si tratta di agganci presenti nel seggiolino che si fissano ai ganci presenti nel telaio del sedile dell’automobile, creando un legame saldo e stabile.
  • Punto di ancoraggio antiribaltamento: è un terzo punto che impedisce qualsiasi movimento rotatorio che può avere la forma di un piede di supporto (Support Leg) o di cinghia stabilizzante (Top Tether).

Come montare un seggiolino dotato di ISOFIX?

Montare un seggiolino dotato di sistema ISOFIX non è poi cos’ complicato, anzi si può facilmente affermare che la procedura di fissaggio del seggiolino, con l’introduzione dell’ISOFIX, si sia semplificata.

Come prima cosa è necessario individuare i due agganci saldati al telaio del sedile presenti all’interno dell’auto.

Come secondo passo bisogna invece trovare i rispettivi agganci ISOFIX presenti sul seggiolino e infine basta collegare i due ganci rispettivamente.

La procedura è abbastanza semplice, poiché l’aggancio è standard e una volta individuato, il seggiolino dovrebbe inserirsi quasi autonomamente nell’apposita sede, rendendo definito il collegamento delle due parti.

Infine non rimane che ancorare il terzo punto di fissaggio che può avere la forma di un piede attaccato al seggiolino o di una cinghia.

Il piede si pone in posizione perpendicolare al pavimento della vettura e fate attenzione, poiché in questo caso va verificata la compatibilità della vettura con questo tipo di fissaggio.

Il piede è solitamente regolabile in lunghezza, in modo da adattarsi alla maggior parte dei modelli di automobile.

Un’ultima possibilità riguarda invece l’ancoraggio tramite cinghia, la quale può essere agganciata in luoghi diversi in base al modello dell’auto: alcune lo prevedono nel bagagliaio, altre nel sedile posteriore o sul soffitto dell’auto.

Una volta terminato il processo, il seggiolino risulterà perfettamente ancorato al sedile dell’auto.


Dispositivo antiabbandono per seggiolini auto

La nuova normativa ha anche previsto l’introduzione di un nuovo meccanismo per i seggiolini auto. Si tratta di un sistema antiabbandono, che mira a ridurre i casi nei quali i bambini sono dimenticati all’interno dell’auto da genitori distratti.

Tali dispositivi sono oramai integrati all’interno dei seggiolini di ultima generazione, ma non tutti lo possiedono.

Qualora abbiate già comprato un seggiolino sprovvisto del dispositivo, fortunatamente è possibile acquistarlo separatamente e aggiungerlo al seggiolino.

In un negozio me ne è stato proposto uno al costo di 100€, ma su Amazon ne trovate modelli più economici e altrettanto performanti come quello che segue.

Vi consiglio in questo caso di approfondire la conoscenza dei modelli disponibili sul mercato, leggendo la mia guida “I migliori dispositivi antiabbandono”.


I migliori seggiolini auto omologati ISOFIX

Il mercato si è oramai adeguato alla nuova normativa e sono oggi numerosi i modelli di seggiolini che posseggono un dispositivo ISOFIX.

Per questo motivo ho pensato, prima di chiudere questa breve guida, di proporvi alcuni dei migliori seggiolini dotati di sistema ISOFIX. Li potete consultare nella guida che segue.


#1 Seggiolini auto Cybex

Seggiolini

Uno dei migliori seggiolini disponibili in commercio è questo modello della Cybex.

Dotato di sistema ISOFIX presenta supporti laterali per prevenire urti alla testa del bambino e un poggiatesta regolabile in tre diverse posizioni.

Il rivestimento è sfoderabile e lavabile in lavatrice a basse temperature, lo schienale è regolabile ed è provvisto di una comoda seduta.

Si consiglia prima di procedere con l’acquisto, di verificare la compatibilità con la propria autovettura sul sito del produttore.

Categoria: gruppo 2/3

Adatto a bambini dai 3 sino ai 12 anni

Cybex Silver Solution X-Fix, Seggiolino Auto per Bambini, Gruppo 2/3/15-36 kg, da 3 fino a 12 Anni Circa, per Auto Con e Senza ISOFIX, Grigio/Dark Grey/Gray Rabbit
  • Su questo seggiolino Cybex prevede l’utilizzo del dispositivo antiabbandono Tippy Pad per minori da 0 a...
  • Seggiolino auto di qualità stabile e durevole: per bambini dai 3 fino ai 12 anni circa 15-36 kg, adatto...
  • Sicurezza: protezione dagli impatti laterali integrata (Sistema L.S.P.), poggiatesta reclinabile in 3...
  • Poggiatesta regolabile in altezza in 11 posizioni, schienale reclinabile, comodo cuscino di seduta
  • Facile da fissare al sedile dell'auto con la cintura di sicurezza e opzionalmente con il sistema ISOFIX...

#2 Seggiolino Chicco Youniverse Fix

Seggiolini

Un seggiolino auto che cresce insieme al tuo bambino è questo splendido modello della Chicco.

Utilizzabile dai 9 kg del bambino sino ai 36 kg (circa 12 anni di età), è dotato di un poggiatesta regolabile che può essere disposto in diverse dimensioni in base alle dimensioni del bambino.

L’installazione tramite sistema Isofix Top Tether garantisce il massimo della sicurezza per il bambino durante la marcia ed è di veloce e semplice applicazione nel sedile posteriore dell’abitacolo.

Soderabile e lavabile a basse temperature in lavatrice, il seggiolino si trasforma da categoria gruppo 1 sino alla categoria 2/3.

Offerta
Chicco Youniverse Fix Seggiolino Auto 9-36 kg, Gruppo 1/2/3 per Bambini da 1 ai 12 Anni, Reclinabile, Nero
  • Seggiolino auto che cresce con il tuo bambino, dai 12 mesi fino ai circa 12 anni d'età
  • In gruppo 1, 9-18 kg, il seggiolino si installa nella direzione di marcia fissandolo all'auto con le...
  • In gruppo 2/3, 15-36 kg, il seggiolino si trasforma per seguire la crescita del bambino, si installa...
  • Grazie al Side Safety System il bambino è protetto i caso di impatto laterale

#3 Seggiolino Star Ibaby

Seggiolini

Altro modello di seggiolino comodo e versatile, grazie alla possibile rotazione a 360°. Questo seggiolino garantisce il massimo della sicurezza per il tuo bambino ad un costo più che concorrenziale.

Il seggiolino è regolabile in modo da adattarsi alle diverse dimensioni del bambino, vi permetterà dunque di risparmiare qualche soldo, evitando di dover acquistare più di un seggiolino nel corso della crescita del bambino.

Ottime le protezioni laterali, disponibile anche un comodo riduttore per i bimbi di età e dimensioni più piccole.

Categoria: gruppo 0/1/2/3

Adatto a bambini sino a 36 kg.

Offerta
Star Ibaby 906 Silla de Coche Isofix Grupo 0123 - Seggiolino Auto per bambini gruppo 0-36kg, Girevole a 360° e reclinabile
  • Seggiolino auto gruppo 0/1/2/3.(0.–.36.kg) con sistema isofix ultima generazione; rotazione di 360...
  • Sistema di protezione laterale di colpi sps
  • Cintura in cinque punti di sicurezza con nasello regolabile in altezza
  • Poggiatesta regolabile in altezza
  • 4 posizioni di reclinazione. Manuale di uso in spagnolo

Conclusioni

Spero questa breve guida di essere riuscito a fare un po di chiarezza in questo complicato mondo dei seggiolini auto per bambini.

Non mi dilungo ancora, ma mi limito, se anche voi siete nella mia stessa situazione, ad augurarvi il massimo della gioia all’arrivo del vostro bimbo e il mio augurio è che insieme possiate trascorrere lunghe settimana alla scoperta del mondo insieme!

Buon viaggio!


Potrebbe anche interessarti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna su